Miglior Hosting Condiviso (2022)

Che cos’è l’hosting web condiviso?

L’hosting web condiviso prevedeva che più utenti ospitassero i propri siti web sullo stesso server. I server sono molto potenti e spesso hanno costi e risorse nettamente superiori a quelli richiesti da un singolo utente o da un sito web di una piccola azienda. Condividendo il server, gli utenti possono acquistare un pacchetto di hosting più economico, pur soddisfacendo i requisiti per ospitare un sito web di successo.

Questa è la nuova economia condivisa. Sono finiti i tempi in cui si acquistava il proprio server per migliaia di dollari. Piuttosto, condividete virtualmente lo spazio del server con altri proprietari di siti web di tutto il mondo e pagate solo pochi centesimi al giorno per far funzionare il vostro sito web. L’hosting condiviso è una cosa bellissima!

Posso ospitare il mio sito web aziendale su un hosting condiviso?

Assolutamente! In effetti, la maggior parte delle startup e delle piccole imprese ospita su hosting condiviso: ha più senso sia dal punto di vista finanziario che da quello dell’hardware del server. Ho visto siti web di clienti con 50.000 visite al mese ospitati con successo su un hosting web condiviso.

Chi è il miglior host condiviso?

Nel corso degli anni ho letteralmente amministrato e ospitato migliaia di siti web attraverso decine e decine di provider di web hosting. Di questi host web, la maggior parte sono stati fornitori di hosting condiviso. Sebbene esistano molte ottime soluzioni di hosting condiviso, le mie raccomandazioni principali sono facilmente identificabili in base alla mia esperienza personale come cliente, rivenditore e amministratore. Sebbene questi consigli si basino principalmente sulla mia esperienza personale, ho anche stilato una classifica in base ai fattori velocità, tempi di attività, costi e assistenza.

Bluehost: #Il primo fornitore di hosting consigliato

Bluehost è il primo fornitore di hosting consigliato da WebHostingProf.com, e per una buona ragione! Nei nostri test, Bluehost ha il tempo di risposta medio più veloce – un affidabile tempo di caricamento di 2,23 secondi – il che significa che le sue prestazioni sono più costanti rispetto ai suoi concorrenti. Anche l’assistenza interna di Bluehost 24/7 è eccezionale, con un tempo medio di risposta inferiore a 5 minuti nei nostri test. L’interfaccia intuitiva e il pannello di controllo progettato su misura consentono una facile configurazione e amministrazione del sito web per tutti, dal proprietario di un sito web per la prima volta al veterano dell’hosting.

HostGator: Secondo classificato e migliore alternativa di hosting condiviso a Bluehost

HostGator si piazza al secondo posto, vantando velocità maggiori rispetto a Bluehost ma con fluttuazioni più irregolari nelle prestazioni del sito web. Il nostro sito web campione di prova veniva caricato spesso a 1,54 secondi, ma rallentava fino a 3,40 secondi durante l’aumento del carico sul server di hosting condiviso. La media è di 2,47 secondi, ma applicando una media ponderata ai tempi di risposta, abbiamo riscontrato un tempo di caricamento di 2,68 secondi nei nostri test su HostGator. Ciò significa che HostGator è stato circa il 20% più lento di Bluehost durante il periodo di test (tuttavia la differenza di 0,45 secondi non è così significativa).

Il supporto di HostGator è eccezionale, con un tempo medio di risposta di 3 minuti, battendo Bluehost. Come Bluehost, il suo pannello di controllo è ben strutturato e offre agli utenti la sicurezza e il controllo necessari per la configurazione e l’amministrazione del loro sito web condiviso.

SiteGround: Il miglior host per le aziende

SiteGround non è così popolare come Bluehost e HostGator nello spazio di hosting condiviso, tuttavia è una sorta di “gemma nascosta”. Da anni utilizzo SiteGround per ospitare molti dei miei siti web e sono il miglior provider di hosting condiviso di medio livello che abbia mai incontrato. Hanno sede a livello internazionale, ma offrono agli utenti la possibilità di selezionare la regione del proprio Datacenter, un’opzione tipicamente riservata agli host web premium. Le attuali sedi dei server includono: Chicago, Stati Uniti; Londra, Regno Unito; Amsterdam, Olanda e Singapore, SG. La loro rete è altamente disponibile, ridondante e sicura, il che significa velocità e tempi di attività sempre affidabili da tutto il mondo.

Anche il loro supporto è eccezionale, ma i tempi di risposta non sono rapidi come quelli di Bluehost o HostGator. Se non vi preoccupate di un tempo di attesa di 10 minuti per la chat o di un’ora o due per la risposta a un ticket, ma desiderate un’offerta di hosting condiviso di qualità superiore a quella delle opzioni “big box” di Bluehost e HostGator, vi consiglio vivamente SiteGround per le vostre esigenze di hosting.

WP Engine: il meglio del meglio nell’hosting condiviso

WP Engine è letteralmente il miglior provider di hosting condiviso che abbia mai incontrato. I loro server con sede in Texas sono velocissimi e il loro sistema di caching proprietario non ha rivali. Dai miei test e dalla migrazione di molti clienti da opzioni di hosting condiviso più economiche, ho riscontrato una riduzione di 2 o 3 volte del tempo di caricamento e della velocità di download dei siti web. E questo senza alcuna ottimizzazione!

C’è un’avvertenza, tuttavia: WP Engine è un host wordpress gestito, ovvero ospita solo siti web WordPress. Quindi, se state gestendo Joomla, Drupal, Magento o un sito HTML puro e semplice, dovrete prendere in considerazione Bluehost, HostGator o SiteGround, come sopra elencati.

In poche parole, WP Engine è l’host condiviso più veloce del pianeta, ha i migliori tempi di caricamento, il miglior supporto e il miglior sistema di auto-backup. Ma tutto questo ha un costo. Come sicuramente vi avrà detto vostro nonno, “si ottiene ciò che si paga”. Questo vale anche per il web hosting condiviso. Il piano più piccolo di WP Engine parte da 35 dollari al mese (2 mesi gratuiti con pagamento annuale anticipato).

Poiché sono un felice cliente di WP Engine da anni e ho ospitato decine e decine di siti web di clienti con loro, sono orgoglioso di poter offrire ai miei lettori il 20% di sconto sul piano di avvio. È sufficiente fare clic su questo link per caricare l’offerta di piano personale scontato.

Se non siete ancora pronti ad abbuffarvi di hosting da 35 dollari al mese, non c’è problema: potete sempre iscriversi a Bluehost per una frazione del prezzo, creare il vostro sito WordPress e poi migrare il vostro sito su WP Engine in un secondo momento (offrono la migrazione gratuita del sito WordPress come una delle loro numerose offerte di host web premium).

Garanzia di rimborso

Tenete presente che qualsiasi società di hosting condiviso scegliate, tutte offrono una garanzia di rimborso. Quindi, se ne scegliete uno e non è adatto alle vostre esigenze, potete semplicemente cancellarlo entro i termini previsti dalla polizza e richiedere il rimborso al reparto di fatturazione.

Avete bisogno di una soluzione alternativa?

Non siete del tutto convinti che l’hosting web condiviso sia adatto alla vostra azienda? Allora consultate il nostro elenco dei migliori provider di web hosting per le aziende. Valutiamo anche i migliori provider di cloud, le società di hosting VPS e le soluzioni di hosting dedicato.

Related Posts: